MARCO BOCCI È SOLO – Ma è in buona compagnia

Marco Bocci è Solo 


marco bocci è soloIl problema non è solo Marco Bocci. I problemi sono tanti e sono sempre gli stessi ormai da molti anni. Solo guardando il trailer ho subito pensato di aver visto già abbastanza di questa fiction, che ovviamente è stata prodotta per Mediaset dalla Tao2 di Pietro Valsecchi. Ho provato anche a guardare la prima puntata, ma proprio non ce l’ho fatta. E poi non sono io che devo provare a guardare, sono loro che dovrebbero riuscire a realizzare un prodotto guardabile.

Invece, come al solito, è  tutto piatto, bidimensionale, non c’è profondità, tranne l’abisso della banalità. Sempre le stesse storie, le stesse dinamiche, gli stessi attori che bisbigliano e farfugliano battute incomprensibili. Come sfogliare un album già visto della collezione di figurine Valsecchi: Solo, Ultimo, R.I.S., Squadra Antimafia, etc. La solita pappa, ma con un’etichetta diversa.

Marco Bocci è solo l’ultimo dei problemi. Certo, in quanto a talento espressivo, è senza dubbio il degno erede di Raoul Bova, ma il punto è un altro. In questo paese non c’è voglia di rischiare, di investire, di cambiare. Novità, originalità e qualità sono vocaboli che oramai non esistono più, sono scomparsi insieme a un’epoca, perché sono concetti che evidentemente non hanno più ragione di essere.

Marco Bocci è solo la punta di un iceberg che prima o poi, speriamo, si scioglierà.

di Enrico Chirico